Non preoccuparti, è improbabile che il sesso scateni l'arresto cardiaco

Alex & Co. - "Incredibile" Leonardo Cecchi e Beatrice Vendramin - Music Video (Potrebbe 2019).

Anonim

Una nuova ricerca ha scoperto che il rapporto sessuale è solo raramente legato all'arresto cardiaco, una condizione che fa sì che il cuore smetta di battere improvvisamente.

Il sesso non rappresenta un rischio significativo per l'arresto cardiaco, rileva lo studio.

L'arresto cardiaco si verifica quando il cuore smette improvvisamente di battere, a causa di una segnalazione elettrica difettosa che influisce sulla frequenza cardiaca. L'arresto cardiaco improvviso è, il più delle volte, fatale e richiede un'attenzione specializzata immediata per prevenire il peggior risultato.

Secondo gli ultimi dati disponibili all'American Heart Association (AHA), nel 2016 oltre 350.000 persone hanno subito un arresto cardiaco al di fuori dell'ospedale e, di queste, solo il 12% è sopravvissuto.

I principali fattori che influenzano la suscettibilità all'arresto cardiaco comprendono età, sesso biologico, razza e condizioni cardiovascolari e metaboliche esistenti. Pertanto, il National Heart, Lung e Blood Institute affermano che gli uomini più anziani, i neri e gli individui con una diagnosi di malattia coronarica o diabete sono più a rischio.

A causa del cattivo esito dell'arresto cardiaco, molti di coloro che si considerano a rischio possono cercare di evitare determinate attività, come il sesso, credendo di renderle più esposte.

Ma una nuova ricerca su cui un certo numero di prestigiose istituzioni - tra cui l'Helsinki University Hospital in Finlandia e il Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, CA - ha collaborato ha rivelato che è improbabile che si verifichi un arresto cardiaco durante il rapporto sessuale.

I risultati dello studio, il cui primo autore è stato il dott. Aapo Aro, dell'ospedale universitario di Helsinki, sono stati presentati ieri all'Audi's Scientific Sessions 2017, tenutosi ad Anaheim, in California.

Bassa incidenza di arresto cardiaco a causa del sesso

I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche degli adulti di una comunità nordoccidentale negli Stati Uniti tra il 2002 e il 2015. In una popolazione di circa 1 milione di individui, il team ha identificato 4.557 casi di arresto cardiaco.

Per un caso di arresto cardiaco da considerarsi correlato all'attività sessuale, tuttavia, è stato necessario che si sia verificato "durante o entro 1 ora dal rapporto sessuale".

Di tutti i casi di arresto cardiaco individuati dai ricercatori, solo 34 (0, 7%) sono stati considerati "correlati all'attività sessuale", con 18 casi verificatisi durante il rapporto sessuale e 15 casi immediatamente successivi.

Soddisfazione sessuale a lungo termine: qual è il segreto?

Leggi informazioni sulla soddisfazione sessuale a lungo termine e su come raggiungerla.

Leggi ora

Il dott. Aro e il team hanno anche notato che l'incidenza annuale di arresto cardiaco correlato al sesso (SEX-SCA) era solo di 0, 28 per 100.000 casi.

In generale, gli uomini erano più propensi a sperimentare un arresto cardiaco dovuto all'attività sessuale: l'1% di tutti i casi tra gli uomini adulti era correlato al rapporto sessuale. Per le donne, solo lo 0, 1% degli eventi di arresto cardiaco era dovuto al sesso.

Nonostante il basso rischio, dovrebbe essere promossa la RCP

Forse ancora più sorprendentemente, le persone che hanno sperimentato SEX-SCA erano in genere più giovani del previsto, a circa 60 anni. Inoltre, gli afroamericani erano più esposti di altri gruppi, rappresentando il 19% dei casi di SEX-SCA.

Non ci sono state differenze significative in termini di storia della malattia cardiaca e farmaci tra i gruppi, sebbene la fibrillazione ventricolare e la tachicardia fossero più comuni di altre condizioni cardiache.

Gli individui che hanno avuto un arresto cardiaco durante o subito dopo il sesso hanno ricevuto solo rianimazione cardiopolmonare (CPR) dal loro partner in un terzo di tutti i casi, nonostante il fatto che possa essere salvavita.

Guardando i numeri, i ricercatori hanno concluso che il rischio generale di arresto cardiaco innescato dall'attività sessuale era basso, e ancora più basso per le donne.

Tuttavia, mentre questi risultati sono rassicuranti, il dott. Aro e colleghi sottolineano la necessità di educare la popolazione generale all'importanza della RCP, oltre a sapere come eseguire correttamente questa procedura.